giovedì 22 novembre 2007

UNA PIZZA DALLA CODA LUNGA

Meglio ridere intorno una pizza, o affidarsi alla Rete, protetti da quella sorta di "velo", riempiendola, a badilate, delle proprie emozioni, dei propri fatti e delle proprie aspirazioni?

Non sarà un dilemma, ma è una domanda, da quanto mi sembra di aver capito, che, sotto sotto, i pizza-blogger dell'altra sera si sono fatti.


Quasi stupiti, un po' tutti hanno concordato sulla riuscita della serata, sull'armonia che da subito è nata tra i componenti di questo strano gruppetto. Uno stupore, se ci si pensa un attimo, che stupisce a sua volta.


Insomma, la vita reale e quella "da blog" sono cose diverse?


Oppure sono due corsie della stessa strada?


La mia amica Luisa mi ha manifestato i suoi dubbi al riguardo. Anzi, i suoi timori.


Quali pericoli nasconde questo fatale sdoppiamento di personalità a cui tutti, partecipando alla dimensione telematica, siamo, di fatto, sottoposti? Sono pericoli concreti?


Questo mettere tutto in circolo, alla fine, dove porta?


Vabbé, ho buttato lì un po' di questioni.


Chissà se qualcuno raccoglierà il sasso.


Io, intanto, ci penso.


Promesso.








4 commenti:

Andrea ha detto...

E' difficile non pensarci. Spero di trovare una risposta quanto te.
Intanto vedo cosa succede

valentina orsucci ha detto...

due corsie della stessa strada, che si intrecciano spesso.
secondo me.

francesco ha detto...

Lo stupore nasce dal fatto che si tende ad essere scettici intorno alla riuscita di questi eventi. In fondo sono emeriti sconosciuti. Magari sono psicopatici e monomaniaci deliranti. Magari sono disadattati che pensano solo alla tecnologia o si rifugiano nel web in assenza di altro.
Poi capita che scopri che non e' cosi'. Incontri persone che effettivamente parlano, ragionano e pensano come scrivono e non c'e' tutta quella finzione, quello schermo...

in fondo siamo solo dei blogger, non siamo pericolosi :-)

ciao! f.

Francesco ha detto...

Molto recentemente allo IAB una persona ha definito in maniera molto chiara, che internet e quindi anche i blog, non sono altro che lo specchio della vita reale, e come esso rappresenta, pensieri, esperienze belle o brutte che siano.....