sabato 6 settembre 2008

IL PITBULL E L'AVVOCATO



“Costruiremo più gasdotti, più centrali nucleari, più posti di lavoro sul carbone pulito, iniziative su fronte dell'eolico, del solare, del geotermico e delle fonti alternative”.

Così ha detto Sarah “Barracuda” Palin nel suo discorso a St. Paul. La numero due di John McCain ha aggiunto che l'America ha bisogno di “risorse americane, prodotte dal genio americano e da lavoratori americani”.

L’ordine delle priorità sembra chiaro: trivelle, atomo, carbone e, in ultimo, rinnovabili, sulla cui efficacia la 44enne candidata a vicepresidente del ticket repubblicano ha già avuto modo di dichiararsi perplessa.

Perplessità che fanno il paio con lo scetticismo sul nesso tra attività umane e cambiamenti climatici.

L'avvocato esulta. Il "pitbull col rossetto" (per usare un'autodefinizione della stessa Palin) è già con lui.

1 commenti:

alessandro ha detto...

Mamma che paura... Meno male che l'Alaska è lontana. Mi viene in mente quella canzone di Vecchioni, Voglio una donna.. .Ecco! Lasciamola agli amici americani...
Noi ci accontenetremo dell'onorevole Carfagna.